CAPITOLO IV Caso di studio: modellizzazione di una Manufacturing Supply Chain

4.1 Introduzione al concetto di Supply chain

Nel precedente capitolo è stato implementato un semplice modello di gestione di un magazzino di un'industria manifatturiera.
Dallo studio del diagramma si nota che produzione, inventario e domanda del cliente sono strettamente interconnessi fra di loro e si influenzano vicendevolmente.
Le aziende si trovano ad operare in un mercato in cui la velocità e il servizio sono requisiti indispensabili che spingono le imprese a modificare strategie e organizzazione al fine di ridurre il time-to-market e operare in tempo reale.
Si sviluppa il concetto di connessione continua e di collaborazione con i clienti, i fornitori e i partner commerciali, si delinea quindi il modello di "impresa estesa".
Nello studio dei sistemi produttivi si è verificato un crescente interesse ai sistemi complessi derivanti da una visione estesa dell'impresa che non è più vista come entità indipendente, ma come sistema operante in modo interconnesso con i trading partners.
La Supply Chain o Value Chain è la rete globale composta da entità economiche quali ad esempio: fornitori, aziende manifatturiere, magazzini, centri di distribuzione.
Spesso per definire un insieme di aziende che operano in un ambiente condiviso si fa riferimento al concetto di azienda virtuale che può essere definita nel seguente modo:
"Un azienda virtuale è un insieme di unità operative autonome che agisce in modo integrato e organico per configurarsi ogni volta meglio come catena del valore più adatta per perseguire le opportunità di business che il mercato presenta."
Una azienda rappresenta un attore che opera in un ambiente che non si esaurisce nelle quattro mura della stessa e quindi per raggiungere livelli di eccellenza deve agire in modo integrato ed organico con altre entità di business.
La Supply Chain è una rete di organizzazioni che sono coinvolte, attraverso collegamenti a monte e a valle, in differenti processi e attività che producono valore nella forma di prodotti e servizi destinati al consumatore finale.
Gli attori di un settore merceologico possono essere vari e in numero elevato, questo rende il concetto di Supply Chain molto astratto ma le vari definizioni della stessa sembrano piuttosto concordi.
Se ne riportano alcune di seguito:
Lee e Billington la definiscono nel seguente modo:
"Una Supply Chain è una rete di impianti che procura le materie prime, le trasforma in beni intermedi ed in prodotti finali e distribuisce tali prodotti ai clienti attraverso un sistema di distribuzione."
Mentre per Jayashankar:
"La Supply Chain è una rete di entità di business autonome o semi autonome responsabili delle attività di approvvigionamento, di produzione e di distribuzione associate ad una o più famiglie di prodotti."
Un'altra definizione estende le precedenti individuando un aspetto fondamentale quale la condivisione delle finalità:
"...è una rete di risorse e punti di distribuzione che svolge le funzioni di approvvigionamento dei materiali, di trasformazione in prodotti intermedi e finiti, di distribuzione e consegna ai clienti ed è composta da imprese autonome che condividono finalità comuni".


Figura 4.1- Generica Supply Chain con flussi dei prodotti e delle informazioni

Ogni entità (impianto, magazzino, centri di distribuzione centro di servizio ecc.) operante nella Supply Chain rappresenta un nodo ognuno dei quali ha una propria domanda, una certa capacità produttiva; la difficoltà principale in cui incorrono gli agenti della catena è quella della gestione asincrona delle informazioni riguardanti tali parametri.
Una delle principali caratteristiche che deve avere un'azienda che opera in un'ottica di impresa estesa, al fine di poter gestire in modo efficiente la domanda e la capacità produttiva, è quella di potersi riconfigurare in tempi brevi per poter rispondere in modo tempestivo alle fluttuazioni ma, soprattutto, per poter sfruttare le opportunità offerte dal mercato.
Con lo studio del Supply Chain si passa dunque ad una visione di azienda globale che opera, o meglio collabora, per raggiungere un livello di efficienza che non potrebbe essere raggiunto operando, anche in modo ottimale, soltanto sul sistema interno di gestione; tale aspetto viene spesso messo in evidenza con l'uso del termine Supply Chain "Integrata" che si riferisce appunto alle organizzazioni, alle attività e risorse coinvolte nel processo di soddisfazione della domanda del cliente finale.


 


Top| Sommario| << Precedente | Successiva >>
>> Home Page www.unitec.it <<