CAPITOLO III Lavorare con Powersim Studio: introduzione all'utilizzo del software tramite un esempio pratico.

3.19 Confrontare "Inventory" e "Desired Inventory"

Creare un altro grafico di tempo in cui inserire le variabili "Inventory" e "Desired Inventory".
Il grafico della nuova simulazione è mostrato in figura 3.17:


Figura 3.17- Il grafico mostra l'inventario attuale e quello desiderato. Desired Inventory cresce immediatamente quando gli ordini aumentano, ma a causa della dilazione nella produzione l'inventario decresce prima di raggiungere lo stesso livello di "Desired Inventory".


3.20 Comportamento del modello

Per le prime venti settimane della simulazione tutte le variabili sono costanti e ciò indica che il modello è in equilibrio.
Dopo venti settimane il modello va fuori l'equilibrio a causa della variabile "Order Rate" che si porta da cento a centoventi widgets a settimana per tutto il resto della simulazione.
Questo comportamento costituisce uno shock per il modello e rivela il suo comportamento dinamico. I risultati dello "shock" possono essere dovuti al comportamento delle altre variabili.
"Expected Demand" può aumentare, ma lentamente, fin quando raggiunge il nuovo livello degli ordini entranti. Il tasso con il quale esso incrementa è lento in quanto il flusso cambia la domanda attesa secondo la discrepanza tra "Order Rate" ed "Expected Demand". Questa discrepanza è più grande quando accade lo "shock".
Da questo momento "Expected Demand" cresce riducendo via via tale discrepanza. "Production" cresce al di sopra di "Order Rate" prima di ristabilire l'equilibrio.
"Desired Inventory" cresce anch'esso (aumentando il divario tra "Desired Inventory" e "Inventory") perché è semplicemente un multiplo di "Expected Demand".
L'aumento della produzione è anche evidente dal comportamento dell'inventario. In questa società le spedizioni sono sempre uguali al tasso di ordine cosicché l'aumento delle spedizioni inizia a causare lo svuotamento dell'inventario.
Questo aumenta la discrepanza tra l'inventario desiderato e quello reale. Quando la produzione raggiunge il tasso di ordini, l'inventario raggiunge il suo minimo livello.
Questo accade approssimativamente dopo 25 settimane. Da qui in poi la produzione va al di sopra delle spedizioni permettendo all'inventario di aumentare.
Dopo 25 settimane, quindi, come il divario tra "Desired Inventory" e "Inventory" si chiude e la domanda attesa raggiunge gli ordini, la produzione decresce fino al raggiungimento dell'equilibrio. Dopo circa 70 settimane il modello è di nuovo in equilibrio.
Questo cosa significa in termini di operazioni di mercato? La bellezza di creare un modello di un sistema è quella di permetterci non solo di investigare sulla struttura di un sistema (come livelli e flussi sono appropriati) ma anche come cambiamenti sulla struttura cambiano il comportamento del sistema (in questo caso si considerano le performances del sistema).


 


Top| Sommario| << Precedente | Successiva >>
>> Home Page www.unitec.it <<