RINGRAZIAMENTI

Seduta alla mia scrivania, occupata negli ultimi sviluppi della tesi, ancora non mi rendo conto di essere arrivata alla fine di questo percorso che ha coinvolto tutta me stessa negli ultimi sei anni; guardandomi indietro mi rendo conto che tante cose nella mia vita e dentro di me sono cambiate: il mio modo di pensare, di affrontare le cose, il mio modo di relazionarmi agli altri.....forse sono cresciuta, ma spero di rimanere quella persona umile e che si mette in discussione, che sono sempre stata.
Ripercorrendo la mia strada, non posso fare a meno di pensare a quanti mi hanno fatto da ala, come quando un ciclista, impegnando ogni fibra del suo essere per vincere la vetta che lo separa dal traguardo, trova forza e sostegno dal tifo che le persone gli offrono lungo il percorso.

Il mio primo pensiero, ovviamente, va ai miei genitori, senza i quali non sarei mai potuta arrivare a questo punto; non parlo solo del sostegno economico, che sicuramente è stato indispensabile, ma di quell'aiuto tacito o esplicito che tante volte è venuto dal loro cuore: mi riferisco a tutte le occasioni in cui mia madre, celando in silenzio l'ansia, mi ha incoraggiata, vedendomi presa dai libri o preoccupata per un programma troppo lungo che proprio non voleva entrarmi in testa; ai discorsi di mio padre, quando, convinto che non stessi ascoltando, parlava di me orgoglioso, dimenticandosi del mio caratterino non facile.
Ripenso a tutte le volte che si sono alzati alle sei del mattino, in pieno inverno, quando fuori era ancora buio e le coperte, invece, erano tanto accoglienti, solo per accompagnarmi a prendere l'aliscafo, perché le lezioni iniziavano presto ed io dovevo raggiungere Napoli.....potrei descrivere tanti momenti come questi, ma non c'è n'è bisogno, perché li porto tutti nel mio cuore e per tutte queste cose posso solo ringraziare la mia mamma ed il mio papà.

Come non ringraziare anche Diego, il mio fidanzato e compagno di tanti momenti, che con estrema pazienza ha sopportato i miei sbalzi di umore e le mie paranoie quando, sotto stress per un esame, non avevo altra valvola di sfogo che lui, che mi ha sempre incoraggiata dicendomi che potevo farcela.
Ringrazio, infine, l'Ing. Boccola, l'Ing. Vertucci e i membri della "Business Unit Custumer Support/ Engineering/ Supporto al prodotto" presso lo stabilimento SELEX-SI di Giugliano in Campania, per la disponibilità con cui mi hanno accolta e seguita nel mio periodo di stage.
Un ringraziamento particolare va all'Ing. Francesco Saverio Di Sibio, che, con pazienza e professionalità, ha ricoperto un ruolo fondamentale nel mio percorso formativo in SELEX-SI.

 


Top| Sommario| << Precedente 
>> Home Page www.unitec.it <<